InterpretBank: strumenti per la produttività degli interpreti

InterpretBank: strumenti per la produttività degli interpreti

Anche l'attività degli interpreti può trarre vantaggio dall'uso della tecnologia, nonostante le condizioni a volte frenetiche in cui si svolge il lavoro in cabina. Anche un interprete esperto può avere difficoltà a trovare in poco tempo l'espressione o la parola appropriata da usare. Per ridurre al minimo questo ostacolo, Claudio Fantinuoli, interprete, traduttore e professore universitario che lavora in Germania, ha sviluppato, nell'ambito di un progetto di dottorato presso l'Università di Magonza, alcuni strumenti che promettono di andare incontro alle esigenze degli interpreti in modo più puntuale ed efficiente.

Gli strumenti compresi nel progetto sono quattro: ConferenceMode, TermMode, MemoryMode e CorpusMode. Sono scaricabili gratuitamente, ma la licenza d'uso è diversa a seconda del programma. Tutti i dettagli sul sito www.interpretbank.de.

ConferenceMode è un programma, dall'interfaccia piuttosto intuitiva, da portarsi in cabina e che serve ad eseguire ricerche nei propri glossari già esistenti in formato Excel o Word, oppure creati ex novo mediante lo strumento TermMode. ConferenceMode dispone di alcune funzionalità che lo rendono estremamente comodo. Infatti permette di:

  • iniziare una ricerca senza premere Invio; infatti la ricerca avviene in tempo reale semplicemente digitando il termine richiesto;
  • invertire le lingue con cui si lavora per agevolare l'interpretariato bidirezionale;
  • ottenere meno risultati grazie alla presenza di un elenco di esclusione, che contiene parole molto comuni e preposizioni come “di”, “il”, ecc. che non sono prese in considerazione quando vengono visualizzati i risultati sono visualizzati;
  • leggere molti formati di glossario;
  • essere compatibile direttamente con i formati Word, Excel, TXT senza dover passare per una procedura di importazione;
  • introdurre nuovi termini velocemente durante la conferenza grazie a EnterMode, che si può attivare cliccando un'icona del programma;
  • mostrare una terza colonna con la possibilità di aggiungere informazioni riguardo ai termini (cliente, genere, ecc.);
  • non preoccuparsi di errori di battitura, grazie alla logica di approssimazione che usa il programma per la ricerca;
  • non dover inserire gli accenti e gli altri segni diacritici (à, ö, ecc.) per cercare una parola.

Inoltre, ConferenceMode viene distribuito in formato portatile, quindi si può caricare in una memoria USB e si può usare dappertutto.

Il secondo modulo completo della suite InterpretBank è TermMode. Questo programma permette di creare e gestire i glossari senza dover ricorrere a programmi professionali complicati (e spesso piuttosto costosi). Anche questo strumento è pieno di funzionalità interessanti:

  • gestisce glossari fino a 4 lingue;
  • offre un modo semplicissimo di modificare i termini;
  • permette di aggiungere termini tramite il QuickMode, che serve per inserire un termine nuovo anche durante la sessione di interpretariato;
  • si può scegliere l'inserimento semplice o quello avanzato per aggiungere dettagli;
  • richiede solo l'inserimento dei campi che servono veramente all'interprete;
  • si possono scambiare glossari tra diverse applicazioni.

Il terzo componente della suite, CorpusMode, è disponibile solo in versione beta, e per adesso funziona solo nella combinazione linguistica EN->DE.
Permette di prepararsi prima di una conferenza e di imparare il linguaggio dei propri clienti. Con questo modulo sono a disposizione informazioni linguistiche e non linguistiche sullo specifico argomento della conferenza, o sul linguaggio e sulla terminologia utilizzati da una certa azienda. Con la possibilità di ottenere una visione approfondita di nuovi argomenti e di parlare lo stesso linguaggio dei partecipanti alla conferenza, la qualità dell'interpretariato migliora, mentre si riduce il tempo necessario per prepararsi. Le altre caratteristiche notevoli sono:

  • possibilità di archiviare testi relativi all'argomento della conferenza o delle aziende con cui si deve lavorare;
  • presentazione di termini utilizzati in contesti reali collegati all'argomento, proprio come li usano i clienti;
  • estrazione della terminologia specializzata rilevante dal corpus di testi presi da internet riguardo all'argomento o riguardo l'azienda;
  • presentazione della terminologia estratta adattata alle esigenze dell'interprete;
  • definizioni dei termini e loro collocazione, secondo le relazioni tra le parole.

L'ultimo modulo, MemoryMode, è uno strumento per imparare a memoria i termini contenuti nei glossari. Presenta i termini rilevanti in maniera facile da ricordare per la conferenza che si sta preparando, in base al glossario creato o in base ai contenuti raccolti da CorpusMode.

Nel complesso questa suite di programmi è ben calibrata alle esigenze dei professionisti dell'interpretariato (non per niente l'autore è un interprete). I moduli CorpusMode e MemoryMode sono offerti in versione gratuita, mentre gli altri sono a pagamento. Per ulteriori dettagli e per i prezzi aggiornati, consultare il sito www.interpretbank.de.

 

Qabiria white logo

Crediamo nell’aumento della produttività attraverso l’uso creativo della tecnologia.

il traduttore insostituibile

Ultime notizie

Contatti

Qabiria Studio SLNE
Carrer Lleida, 3 1-2
08912 Badalona
(Barcelona)
SPAGNA

+34 675 800 826

qabiria

Inviaci un messaggio

Ricevi la newsletter

Vuoi leggere gli articoli e le novità di Qabiria direttamente nella posta?