Scrivere per il web: impara a catturare un lettore che va alla velocità della luce

(4 voti)
Scrivere per il web: impara a catturare un lettore che va alla velocità della luce

Una corsa contro il tempo per non diventare invisibili

La ricchezza di informazioni genera una povertà di attenzione.
Herber A. Simon

Sul web nessuno legge, o quasi. Tutti andiamo di corsa, c’è un sovraccarico di informazioni che abbassa gravemente la nostra capacità di concentrazione. Il testo viene letto raramente parola per parola: diamo una scorsa veloce in cerca di quello che potrebbe interessare, se non lo troviamo, passiamo oltre.

Quando scriviamo per il web, siamo come Wile E. Coyote che rincorre Bip Bip: magari non finiremo schiacciati sotto un enorme masso, ma se non impariamo a scrivere adattando il nostro stile alle regole della rete, il lettore ci sfuggirà e scompariremo nella giungla del web. 

Ecco perché i tuoi testi devono essere delle vere e proprie mappe visive, costituite da paragrafi brevi, intervallati da spazi vuoti, punteggiati da parole chiave che attirano lo sguardo sui tuoi contenuti di qualità.

Un mondo capovolto

Se a scuola ci insegnano a scrivere suddividendo un tema in introduzione, svolgimento e conclusione, sul web dovrai cominciare dalla fine. Riuscirai a fermare il lettore sulla tua pagina solo se catturerai la sua attenzione nei primi 30 secondi. Sin dai primi paragrafi, devi andare dritto al punto, solo dopo potrai aggiungere dettagli. È un po’ come quando leggi il giornale, ti soffermi solo sugli articoli che hanno un titolo interessante.

Jakob Nielsen, esperto di web usability, lo chiama il metodo della piramide rovesciata. I contenuti più importanti devono stare all’inizio, non solo del testo in generale, ma anche del capoverso e della frase nello specifico. Difatti spesso vengono lette solo le prime parole, lasciando la riga a metà.

Il trio vincente

Sintesi, parole chiave e ipertesto, sono questi i tuoi migliori alleati per vincere questa corsa contro il tempo.

SINTESI - Bisogna selezionare l’informazione, sviluppando non più di un concetto per ogni paragrafo, tagliando tutto ciò che è in più e potrebbe annoiare il lettore, facendolo correre altrove. In questo senso, scrivere per il web può essere considerato come una nuova forma di poesia. Devi imparare a saper concentrare i contenuti in poche parole che colpiscano nel segno, un po’ come in una poesia di Ungaretti o in un haiku giapponese.

PAROLE CHIAVE - Le keyword aiuteranno il lettore a orientarsi nel tuo testo. Lo sguardo rimbalzerà da una parola chiave all’altra come una pallina in un flipper. L’obiettivo è guidare lo sguardo dell’utente portandolo dove vuoi tu, piazzando i contenuti nel posto giusto. Il lettore potrà seguire l’ordine che preferisce, saltando a pié pari le parti che non gli interessano. L’importante è che rimanga il più possibile sulla tua pagina.

IPERTESTO - Inoltre, potrai inserire dei link titolati con nomi semplici e brevi che ti permettano di fornire approfondimenti, senza dilungarti troppo, estendendo il testo in profondità e non in lunghezza.

Link in entrata e ottimizzazione per i motori di ricerca.

I link sono anche un elemento fondamentale per un’efficace strategia SEO (Search Engine Optimization, la disciplina che studia i modi per apparire ai primi posti delle ricerche online, argomento vastissimo sui cui magari torneremo con altri articoli). Se avrai condiviso contenuti di valore, qualcun altro inserirà spontaneamente nel suo sito dei link che rimandino alla tua pagina. Man mano questo gioverà al posizionamento del tuo sito web, facendoti ottenere più visite.

Liste: una scaletta veloce per arrivare dritto all’informazione che cerchi

Organizzare le informazioni in elenchi puntati è un altro metodo efficace per attirare lo sguardo di chi finisce sul tuo sito, perché

  • semplificano la lettura;
  • chiariscono i concetti;
  • si leggono velocemente.

Niente muri di parole, il testo deve assecondare lo sguardo

Lo sguardo si sofferma su tutto ciò che spicca, come  i titoli, i link, le parole in grassetto e le frasi che seguono gli spazi vuoti.

Il testo, insieme alle immagini, diventa parte grafica, quindi è importante strutturarlo al meglio seguendo alcune accortezze, come quella di scegliere un font senza grazie per rendere il tutto più lineare e leggibile (come quello che stai leggendo), anche se al riguardo le opinioni sono contrastanti e il dibattito ancora in corso.

Jakob Nielsen, in uno studio sull’eye tracking ha osservato il modo in cui si muove lo sguardo del lettore, per individuare le zone del testo che attraggono di più.

f reading pattern eyetracking
(J. Nielsen 2006)

Studiando il comportamento di 232 soggetti mentre consultavano migliaia di pagine web, Nielsen ha scoperto che l’utente legge delineando una F sullo schermo: prima scorre per orizzontale la parte superiore della pagina, poi scende di poco per leggere ancora in orizzontale un tratto più breve del precedente, infine scorre il contenuto del testo velocemente in verticale.

Dopo più di dieci anni, lo studio di Nielsen è ancora attuale. Quindi, se vuoi farti leggere, dovrai allineare il testo a sinistra, posizionando i contenuti principali proprio in quelle zone in cui ora sai che andrà lo sguardo del lettore.

Quando raggiungi la meta

L’utente smette di correre appena trova quello che cerca. Possiamo anche condividere contenuti interessanti, ma dobbiamo fare in modo che siano facilmente individuabili per lui, così che scorrendo distrattamente la nostra pagina finalmente si fermerà a leggere il testo per intero.

In conclusione

In questo mare di stimoli, solo chi sa posizionare i fari giusti nei punti giusti riesce ad attrarre il pubblico a sé.

Per riuscirci devi ricordarti di

  • essere breve;
  • trasformare il tuo testo in una mappa visiva facile da consultare, grazie a parole chiave, paragrafi brevi e link di approfondimento;
  • usare il metodo della piramide rovesciata, posizionando i contenuti più importanti all’inizio del testo, del paragrafo e della frase;
  • adeguare forma e contenuti tenendo conto della lettura a F.

Il risultato sarà un bel concentrato di informazioni utili che cattureranno l’attenzione per il tempo necessario a far conoscere te, il tuo sito e quindi la tua azienda.

Link per approfondimenti

Qabiria white logo

Crediamo nell’aumento della produttività attraverso l’uso creativo della tecnologia.

il traduttore insostituibile

Ultime notizie

Contatti

Qabiria Studio SLNE
Carrer Lleida, 3 1-2
08912 Badalona
(Barcelona)
SPAGNA

+34 675 800 826

qabiria

Inviaci un messaggio

Ricevi la newsletter

Vuoi leggere gli articoli e le novità di Qabiria direttamente nella posta?