Millennials e formazione: tradurre i contenuti e-learning è un obbligo

(1 voto)
Millennials e formazione: tradurre i contenuti e-learning è un obbligo

Che cos’è l’e-learning e perché conviene che le società e gli autori di contenuti multimediali online traducano il proprio materiale formativo?

In questo articolo, cercheremo di spiegare che cos’è l’e-learning e perché è conveniente che gli autori di contenuti multimediali traducano i propri corsi online, presentando i trend del passato del mercato dell’e-learning e le previsioni per il futuro, specificando inoltre quali sono i principali vantaggi che derivano da questa operazione di localizzazione.

Che cos’è l’e-learning

E-learning sta per apprendimento online o teleapprendimento/teledidattica. Con questo termine si intende l’uso delle tecnologie multimediali e del web per migliorare la qualità dell’apprendimento, facilitando l’accesso alle risorse e ai servizi, oltre che la comunicazione/collaborazione a distanza. La teledidattica è uno strumento molto utile per le istituzioni, le aziende e gli enti accademici che intendono formare a distanza i propri utenti. Ogni procedura di apprendimento online prevede l’utilizzo di una connessione in rete per la fruizione dei materiali didattici e lo sviluppo di attività formative basate sistemi specifici, detti LMS o Learning Management System, ossia una piattaforma tecnologica che funge da punto di congiunzione tra fornitori del servizio e utenti finali. In passato, il canale di fruizione impiegato era esclusivamente il personal computer. Oggi, invece, le abitudini degli utenti e i canali di diffusione sono cambiati. Pertanto, i contenuti formativi sono accessibili anche da altri dispositivi, come smartphone, tablet, ecc.

Perché è importante tradurre i contenuti di apprendimento online?

Ecco quali sono i principali motivi che dovrebbero indurre gli autori di contenuti formativi multimediali a localizzare i contenuti caricati online:

  • Il mercato dell’e-learning è in rapida e ampia crescita
  • Gli utenti utilizzano sempre di più i dispositivi mobili
  • L’e-learning multilingue aumenta l’accessibilità dei contenuti

L’e-learning multilingue aumenta l’accessibilità dei contenuti

Localizzare i contenuti e-learning significa innanzitutto estendere l’accessibilità dei contenuti a utenti che parlano altre lingue. Ovviamente, all’interno dell’intero processo formativo, l’inglese oggi funge da lingua franca, ma conoscere la lingua inglese non significa necessariamente voler imparare attraverso la lingua inglese. Per di più, non tutti gli utenti online conoscono l’inglese: un’indagine del St George International rivela che nel 2015 nel mondo circa 1,5 miliardi di persone conoscevano la lingua inglese, ovvero poco più di un settimo della popolazione mondiale.

Infine, se si prendono in considerazione i dati pubblicati da elearningindustry.com sul tasso di crescita della fruizione di contenuti e-learning suddivisi per paese, ci si rende subito conto di quanto sia importante tradurre i contenuti nelle lingue parlate nei paesi in cui l’e-learning sta diventando una vera e propria alternativa alle tradizionali forme di apprendimento. Ecco i dati:

  • India: 55%
  • Cina: 52%
  • Malesia: 41%
  • Romania: 38%
  • Polonia: 28%
  • Repubblica Ceca: 27%
  • Brasile: 26%
  • Indonesia: 25%
  • Colombia: 20%
  • Ucraina: 20%

Il mercato dell’e-learning è in rapida e ampia crescita

Secondo uno studio recente condotto da Docebo, nel 2015 il valore del mercato dell’e-learning ha superato i 165 miliardi di dollari, e fino al 2023 è destinato a crescere del 5%, fino a raggiungere i 240 miliardi di dollari. La domanda di formazione online e dei relativi prodotti e servizi cresce di anno in anno, perché gli utenti ritengono che i nuovi strumenti formativi siano più efficaci, coinvolgenti, interattivi e facilmente accessibili. Infatti, secondo un report di “Research and Markets”, il mercato globale dei content authoring tool* è destinato a crescere a un tasso di crescita annuo medio del 7,72% nel periodo 2016-2020.

Questo dimostra quanto l’apprendimento online sia già una realtà ampiamente diffusa nel mondo, che non soppianterà le tradizionali forme di apprendimento ma che quanto meno offrirà una soluzione alternativa altrettanto efficace.

Gli utenti utilizzano sempre di più i dispositivi mobili

La crescita del mercato dell’e-learning nel corso dei prossimi anni è legata all’ampia diffusione di dispositivi online e mobili. L’adozione di strumenti di formazione e-learning nei settori accademici e in quelli extra-accademici (soprattutto aziendali), assieme ai fattori già citati, avranno un impatto positivo sul mercato, alimentando la domanda di servizi e-learning e la crescita del settore nei prossimi anni. Basti pensare a ImmerseMe, un gioco di realtà virtuale lanciato di recente, che aiuta gli utenti che desiderano apprendere una lingua straniera a visitare altri paesi senza dover abbandonare la propria postazione. Se desiderano apprendere il francese, per esempio, possono “immergersi” totalmente in un forno parigino e simulare l’acquisto di una baguette, conversando e vivendo in scenari in cui si parla unicamente la lingua francese.

La diffusione degli strumenti digitali ha cambiato le nostre abitudini e il modo in cui il nostro cervello funziona. È semplice! Le persone non apprendono più nello stesso modo in cui si apprendeva quaranta o cinquanta anni fa. Le tecniche utilizzate un tempo non funzionano più per i cosiddetti millennials. I corsi online, le app, le piattafome e-learning e i programmi di apprendimento a distanza sono l’esempio lampante di come la tecnologia e la formazione interagiscono oggigiorno. Gli studenti di oggi cercano sempre più queste nuove soluzioni rispetto ai metodi tradizionali di apprendimento. L’e-learning è la risposta ideale alle esigenze formative delle nuove generazioni e, pertanto, nei prossimi decenni non potrà essere ignorato al momento di diffondere i propri contenuti online.


*) Un authoring tool è uno strumento che consente di creare corsi in e-learning. Chiunque, non solo i programmatori, può creare materiali formativi coinvolgenti, per divulgarli a utenti e clienti.

Stefano Iuliani

Traduttore, localizzatore, subtitler.

LinkedIn / ProZ

Qabiria white logo

Crediamo nell’aumento della produttività attraverso l’uso creativo della tecnologia.

il traduttore insostituibile

Ultime notizie

Contatti

Qabiria Studio SLNE
Carrer Lleida, 3 1-2
08912 Badalona
(Barcelona)
SPAGNA

+34 675 800 826

qabiria

Inviaci un messaggio

Ricevi la newsletter

Vuoi leggere gli articoli e le novità di Qabiria direttamente nella posta?